Tutti gli articoli di pacowoodoo

Giorno 21-22:Ultimi giorni in Tokyo, Shibuya, Shinjuku, Ginza e souvenirs!!!

Uno scorcio di Ginza
Uno scorcio di Ginza

Abbiamo organizzato gli ultimi due giorni a Tokyo in modo da vedere i posti più importanti che ancora on avevamo visto, senza però dimenticarci di comprare quintali di oggetti e souvenirs che ogni buon turista deve portarsi a casa dal Giappone; dicono che il Giappone salga sul livello del mare di 2 mm ogni anno a causa dei souvenirs che i turisti portano via.

La prima giornata completa a Tokyo è stata suddivia quindi tra Ginza luogo di negozi di grandi marche, Shinjuku famosa per il suo affollatissimo scrumble e Shibuya luogo di vita notturna e zone proibite. Continua la lettura di Giorno 21-22:Ultimi giorni in Tokyo, Shibuya, Shinjuku, Ginza e souvenirs!!!

Giorno 13: Nara il gigantesco Todai-ji e i mille templi nel parco

Il tempio Todai-ji
Il tempio Todai-ji

L’8 aprile siamo arrivati in presta mattinata a Nara capitale del Giappone precendete a Kyoto e Tokyo, un gioiello incastonato nel sud dell’ Honshu. Questa citta’ non ha ne’ le dimensioni ne’ il traffico di Kyoto ma riesce a rendere la magia del Giappone condensata nelle sue vie tranquille e nelle villette organizzate come nei migliori cartoni animati giapponesi.
Pensavamo che da qualsiasi casa potesse uscire un Doraemon e affacciarsi Marrabbio dal suo negozio, insomma un posto da visitare assolutamente.

Continua la lettura di Giorno 13: Nara il gigantesco Todai-ji e i mille templi nel parco

Giorno 11: Kyoto il tempio d’oro Kinkaku-ji e la via dei filosofi in fiore

il palazzo d'oro
il tempio d'oro kinkaku-ji

L’ undicesima giornata Dio produsse una strada circondata di ciliegi in fiore e vide che era cosa buona, quindi la mise a Kyoto che i ciliegi li apprezzano molto…

Il 6 aprile abbiamo quindi deciso di fare un giro per le mete piu’  appariscenti di Kyoto, con un amico incontrato per strada di nome Nico ( no non ve lo presenteremo, o donne all’ascolto, in quanto siamo molto gelosi).

Per primo il tempio d’oro ( Kinkaku-ji ).

Continua la lettura di Giorno 11: Kyoto il tempio d’oro Kinkaku-ji e la via dei filosofi in fiore

Giorno 10: Kyoto, la pagoda di To-ji, il castello di Nijo e Arashiyama fra i bambu’

La decima giornata si e’  aperta con una mangiata del famoso Pan giapponese ovvero una sorta di pane leggermente briochato con all’interno di tutto da cose buonissime come la salsa di fagioli dolci a cose fetide come uova pancetta e peperoni.

Rinfrancati da cosi’ tanta bonta’  e con il fegato implorante un caffe’ latte abbiamo deciso di passare la giornata vedendo 4 dei luoghi piu’ importanti della  Kyoto da bere:

Giorno 7: trekking a Miyajima

Fra le mete consigliate da Riccardo del Ghignoni (nostro fidato consigliere) non potevamo certoi rinunciare alla famosa isola di Miyajima  nota soprattutto per i templi (due per ogni abitante dell`isola) e i cervi (tre per ogni tempio).

Questo basta a farvi capire che comunque e` un isola con molto da vedere almeno come quantita`. Continua la lettura di Giorno 7: trekking a Miyajima

Giorno 4: Le terme (onsen) dopo il distruttivo viaggio Tokyo -> Beppu

p1030509La giornata, o la mattinata ( o come diavolo la volete chiamare dato che per noi era solo il protrarsi della giornata prima) e’ iniziata con una appassionante successione di scambi di treno che ci ha portato a muoverci come zombie nella maggior parte delle stazioni ferroviarie dell’ Honshu meridionale. Continua la lettura di Giorno 4: Le terme (onsen) dopo il distruttivo viaggio Tokyo -> Beppu

Giorno 3: Internet a Tokyo 24h piu’ facile a dirsi che a farsi

3Nelle molte guide online e non troverete spesso la parola “manga_kissa” questi locali forniscono una postazione privata con internet, la possibilita’ di leggere dei manga e anche un servizio di protocaffetteria… il tutto pero’ solo se riuscite a trovarli… (ma iniziamo dall’inizio):

Continua la lettura di Giorno 3: Internet a Tokyo 24h piu’ facile a dirsi che a farsi

Giorno 2: Per i templi di Nikko puzzolenti di pesce

nikkoNikko e’ una freddolosa cittadina aggrappata allependici dei monti a nord di Tokyo; e’ rinomata per i numerosi e bellissimi templi Schintoisti. Per raggiungere Nikko sfruttando a pieno il Japan Rail Pass e’ necessario prendere lo Shinkansen da Tokyo fino a Utsonomiya quindi cambiare per la Nikko line e proseguire fino a Nikko paese.
Lo shinkansen e’ bellissimo ma anche la linea riservata a Nikko e’ una chicca con divanetti laterali di simil-velluto fucsia e un caldo tropicale.

Nikko e’ un paesino gradevolissimo e i templ isono fantastici con soli 1000 YEN di puo’ accedere alla maggior parte di questi e seguire dettagliate spiegazioni di tutta la storia di questi ( naturalmente in Giapponese ).

Sfuggendo alle guide abbiamo visitato tutti e 5 i templi prendendo un freddo incredibile ma comcludendo la giornata sazi di templi shintoisti e monaci salmodianti.

Molto bello il tempio maggiore con una struttura veramente imponente e degni di nota i 100 dragoni tutti in pietra e differenti di uno dei templi minori.

Se andrete nel nostro periodo troverete oltre ad un freddo birbone anche tutti i Buddha coperti con papalina e bavaglino probabilmente per evitare che si ammalino.

Altra cosa molto bella di Nikko e’ la passeggiata che costeggia il fiume un kilometro dopo lo SHIN-KYO (ponte attraversato da un maestro sacerdote in groppa a due serpenti ?!?!?) con almeno una cinquantina di Buddha tutti dotati della loro papalina punto e croce.

Siamo tornati infreddoliti e stanchi ma molto soddisfatti.

Giorno 2: Al mercato del pesce di tokyo ad orari improbabili

pesceLa mattina ha l’oro in bocca dice un vecchio proverbio giapponese e infatti seguendo questa importante affermazione il Cano ha deciso di farci alzare alle 4:30 per andare al MERCATO DEL PESCE di TOKYO, a detta di una Australiana il piu’ grande mercato del pesce del mondo ( come secondo c’e’ Sydney ).

L’arrivo e’ stato piuttosto traumatico in quanto siamo stati accolti da un possente odore di pesce, nonche’ dai variegati carretti portapesce motorizzati a torba, che hanno tentato in tutti i modi di far finire i nostri giorni con agguati improvvisi.

Superati i primi due livelli siamo riusciti ad ammmirare la meraviglia dell’asta del tonno con centinaia di tonni ghiacciati a terra mercanteggiati da giapponesi senza peli sulla lingua ( o almeno ci piace pensarli cosi’ ).

Gli odori, i colori, tutte queste novita’ ci hanno rapito e contaminato costringendoci a fare colazione con una sorta di sashimi e appestandoci dello stesso odore per tutta la giornata.

Il miglior e piu’ fresco pesce mai mangiato in vita nostra… alle 8 del mattino…

Viaggiare in Giappone: i treni

shinkansen treni in giappone japan rail pass
foto di uno shinkansen

Il Giappone è famoso per la puntualità e la celerità dei suoi treni e quanto il loro sitema ferroviario è migliore di quello italiano tanto il costo di questi mezzi di trasporto è alto rispetto ai nostri standard.

I treni più conosciuti del Giappone sono gli shinkansen famosi per la loro rapidità nonostante i treni più rapidi sono i NOZOMI, pensate che per precorrere la tratta Tokyo->Osaka impiegano 2 ore e mezzo.

Per spostarsi in giro per il Giappone i treni sono indispensabili e la soluzione migliore è quella di fare il Japan Rail Pass, questo è un pass che permette di accedere alla maggior parte dei treni e un buona parte degli atobus che attraversano il Giappone.

Questo abbonamento deve essere fatto necesariamente dall’esterno del Giappone (ha uno scopo essenzialmente turistico) e può essere fatto per tutto l’arcipelago o ristretto a singole zone del Giappone.

Il tempo minimo dell’abbonamento è di una settimana fino ad un massimo di tre (poi non so se si possano cumulare…).

Il prezzo di questo servizio varia incredibilmente con le fluttuazione del cambio fra euro e Yen, quindi quello che vi consigliamo è di starci un po dietro nel periodo precedente al viaggio, in questa maniera su un abbonamento dei 3 settimane potrete rispormiare anche una settantina di euro; naturalmente noi lo abbiamo acquistato al momento del suo costo maggiore (predica bene e razzola male…).

Sfortunatamente questo abbonamento non include il Nozomi, ma a quanto ho letto in giro gli Shinkansen sono esattamente il contrario dei treni italiani: belli, puliti, comodi ma soprattutto puntuali… quindi non ci lamentiamo troppo…

Il japan rail pass si può acquistare tramite la pagina Web sopra linkata (il voucher vi potrà essere inviato a casa) oppure recandosi in uno degli uffici nelle prinicipali città italiane.

Il voucher, poi, potrà essere cambiato all’aeroporto appena arrivati in Giappone.

Dove dormire: Kyoto

hostel di Kyoto in stile Ryokan
hostel di Kyoto in stile Ryokan

Luogo: Kyoto
Durata pernottamento: 5 giorni
Luogo Scelto: Kyoto guesthouse
Prezzo: 2,960  yen a notte (circa 25 euro)
Recensione : Tour Club

Alternative : NISHIYAMA RYOKAN

Per dormire a Kyoto abbiamo trovato un ottimo compromesso con la Kyoto GuestHouse non economica quanto quella di Hiroshima, ma data la lunga permanenza, sufficientemente confortevole (o almeno lo speriamo). Abbiamo preso una camera tripla in stile ostello.

La cosa che ci ha convinto di più per questo posto sono le foto accattivanti del sito nonchè le foto che lo fanno sembrare un luogo piuttosto curato dove dove dormire a Kyoto.

L’alternativa rispetto a questo ostello era il NISHIMA RYOKAN consigliato caldamente da un nostro amico, ma che raggiungeva dei prezzi un po troppo proibitivi (soprattutto per dormirci 5 notti)… e poi dovevamo risparmiare per il monte Koya 🙂

Kyoto essendo una città molto grande riserva molte alternative quindi se questi due ostelli/ryokan non vi bastano non preoccupatevi riuscirete a trovare quello che vi veste al meglio, ma non riducetevi mai a prenotare all’ultimo momento!!!!

Tutti gli alloggi in Giappone accettano prenotazioni con 3 mesi di anticipo quindi merita inziare con quell’anticipo a cercare i posti dove dormire.

Medicinali per il viaggio in Giappone

medico GiapponeIn Giappone uno dei problemi che si possono incorrere sono quelli della lingua, infatti pochi Giapponesi conoscono l’inglese e quei pochi non lo parlano a causa del loro perfezionismo; questo può creare problemi quando si parla di malattie e medicine in quanto spiegarsi può essere complesso. Quindi abbiamo scelto di portarci dietro un po di medicine per stare più tranquilli.

Continua la lettura di Medicinali per il viaggio in Giappone

Il viaggio in kanji

questo kanji significa viaggio, ottima idea per un viaggio in Giappone
il kanji per la parola "viaggio"

Un viaggio in Giappone deve avere un simbolo che si rispetti, scartabellando in giro ci sono tante immagini, quali più tamarre o quali meno, che potrebbero far venire in testa l’idea del Giappone… ma in onore dell’antica arte dello Shodō abbiamo pensato bene di scegliere un Kanji per rappresentare il nostro viaggio nella terra del sol Levante.

E questo Kanji significa “viaggio”.

“Viaggio” in Giapponese per il nostro viaggio in Giappone.

ndr: l’arte dello Shodō è l’arte dello scrivere bene ovvero della calligrafia, questa pratica in Giappone è considerata una vera e propria arte equiparata alla musica e alla pittura.