Archivi categoria: Tappe del viaggio

le tappe del nostro viaggio, con le città, le attrazioni e tutto ciò che abbiamo visto, forse anche qualche foto.

Viaggio in Giappone d’Autunno per vedere gli Aceri Rossi (Momijigari)

Non contento di essere stato in giappone nel 2009 per vedere la fioritura dei ciliegi quest’anno ci tornerò assieme alla mia fidanzata per ammirare la bellezza del Giappone in Autunno con i suoi splendenti colori rossi autunnali, quello che in giappone viene chiamato Momijigari.

Il nostro nuovo viaggio sarà un filo più rilassato del vecchio viaggio del viaggio primaverile dove eravamo andati a Beppu (bella, ma impegnativa sia per tempi di trasporto che altro).

Stavolta ci concentreremo più nella zona di Kyoto, con qualche eccezione iniziale, ecco il piano:

Continua la lettura di Viaggio in Giappone d’Autunno per vedere gli Aceri Rossi (Momijigari)

Giorno 21-22:Ultimi giorni in Tokyo, Shibuya, Shinjuku, Ginza e souvenirs!!!

Uno scorcio di Ginza
Uno scorcio di Ginza

Abbiamo organizzato gli ultimi due giorni a Tokyo in modo da vedere i posti più importanti che ancora on avevamo visto, senza però dimenticarci di comprare quintali di oggetti e souvenirs che ogni buon turista deve portarsi a casa dal Giappone; dicono che il Giappone salga sul livello del mare di 2 mm ogni anno a causa dei souvenirs che i turisti portano via.

La prima giornata completa a Tokyo è stata suddivia quindi tra Ginza luogo di negozi di grandi marche, Shinjuku famosa per il suo affollatissimo scrumble e Shibuya luogo di vita notturna e zone proibite. Continua la lettura di Giorno 21-22:Ultimi giorni in Tokyo, Shibuya, Shinjuku, Ginza e souvenirs!!!

Giorno 20: Un pò del Festival di Takayama, e Tokyo Akihabara

Il giorno della partenza da Takayama non ci siamo arresi, dovevamo vedere qualcosa. Grazie agli uffici informazioni disposti per la città e alle decine di mappe prese a giro (ogni voltache non sapevamo in che tasca era finita una mappa ne prendevamo un’altra), sapevamo che alcuni carri si sarebbero ritrovati in un punto centrale di Takayama.
Abbiamo preso i nostri fidi zaini (pesanti e giganti), salutato il simpaticissimo padrone del Ryokan, e ci siamo diretti là. Continua la lettura di Giorno 20: Un pò del Festival di Takayama, e Tokyo Akihabara

Giorno 19: Takayama ed il festival che non c’è


Il viaggio da Kanazawa a Takayama si è poi dimostrato un pò lungotto. Ma eravamo preparati (svariati libri son circolati tra le mani di ognuno di noi). Quello a cui non eravamo preparati era la sfiga, o perlomeno : La pioggia.

Siam partiti la mattina per arrivare nel primissimo pomeriggio a Takayama e trovare un bruttissimo tempo ad attenderci. Continua la lettura di Giorno 19: Takayama ed il festival che non c’è

Giorno 18: Castello di Kanazawa, Kenroku-en e quartiere Geishe

Il giorno successivo a Kanazawa ci siamo concentrati su tre cose principali da vedere, il castello, il giardino per cui la città è famosa ed il quartiere delle Geishe.

E che dire, ne è valsa la pena!

Continua la lettura di Giorno 18: Castello di Kanazawa, Kenroku-en e quartiere Geishe

Giorno 17: Koya, sveglia buddista e partenza per Kanazawa


Ore 5.50, suona la campana del tempio. E’ il momento. L’alba è iniziata da poco e qualche luce si fa spazio nel buio notturno. E’ arrivato il momento di guardare la preghiera mattutina buddista. Eravamo all’incirca preparati a tutto ciò. Nel sito era specificato che avremmo dovuto partecipare a questa cerimonia, ed appena arrivati la ragazza addetta a registrare gli ospiti ci ha informati di tutto.

Certo, magari farlo per il giorno di Pasqua non era il top, ma è comunque un’esperienza.

Continua la lettura di Giorno 17: Koya, sveglia buddista e partenza per Kanazawa

Giorno 16: Il monte Koya ed il cimitero Oku-no-in

Ed il sedicesimo giorno i nostri eroi arrivarono nel Monte Koya. Luogo segnalato dalla stessa Lonely planet per il cimitero Oku-no-in che di notte pare essere quasi magico. Ma era davvero così?

Continua la lettura di Giorno 16: Il monte Koya ed il cimitero Oku-no-in

GIorno 15: Nara,il tempio nascosto (Byakugoji) e relax time nel parco

Riniziamo (finalmente) a parlare dei giorni passati in giappone.

Oggi tocca al giorno 15, l’ultimo dei tre giorni nella città di Nara.
Nara è una città che in due giorni si può visitare in tranquillità. E’ la perfetta mediazione tra una città piccola ed una metropoli.
L’ultimo giorno per noi c’era rimasto poco da vedere.  Abbiamo quindi deciso di farci una bella camminata (la guesthouse era in centro) nella periferia per raggiungere il tempio Byakugoji.
Continua la lettura di GIorno 15: Nara,il tempio nascosto (Byakugoji) e relax time nel parco

Giorno 14: Yoshino e la montagna dei ciliegi

Il tempo di soggiorno a Nara per noi era di tre giorni, due dedicati alla citta’ (ora sappiamo che sono abbondanti ma permettono di godersi attimi e tempi dilazionati della vita giapponese) ed uno ad un viaggio esterno di una giornata: il monte Yoshino. Continua la lettura di Giorno 14: Yoshino e la montagna dei ciliegi

Giorno 13: Nara il gigantesco Todai-ji e i mille templi nel parco

Il tempio Todai-ji
Il tempio Todai-ji

L’8 aprile siamo arrivati in presta mattinata a Nara capitale del Giappone precendete a Kyoto e Tokyo, un gioiello incastonato nel sud dell’ Honshu. Questa citta’ non ha ne’ le dimensioni ne’ il traffico di Kyoto ma riesce a rendere la magia del Giappone condensata nelle sue vie tranquille e nelle villette organizzate come nei migliori cartoni animati giapponesi.
Pensavamo che da qualsiasi casa potesse uscire un Doraemon e affacciarsi Marrabbio dal suo negozio, insomma un posto da visitare assolutamente.

Continua la lettura di Giorno 13: Nara il gigantesco Todai-ji e i mille templi nel parco

Giorno 12: Kyoto, Palazzo imperiale, Tempio delle volpi e lavare i panni sporchi

Il palazzo imperiale di Kyoto
Il palazzo imperiale di Kyoto

Ultimo giorno a Kyoto, citta’ che ci e’ rimasta nel cuore per essere meno metropolitana di Tokyo e molto piu’ vivibile (nonostante le dimensioni non indifferenti).
Questo giorno era stato ben pianificato, mattina  al palazzo imperiale, pomeriggio al Fushimi-inari Taisha, ed infine lavaggio dei panni in tempo per uscire al sera.
Purtroppo il Palazzo imperiale e’ visitabile dagli stranieri solo durante i tour guidati, che nel nostro caso avvenivano alle ore 10 e alle ore 14.
E per condire il tutto quando siamo arrivati noi (9.40) il primo tour era gia’ pieno. Quindi vi consigliamo di gestire bene i vostri tempi se volete andarci ed arrivare con largo anticipo per sbrigare le pratiche burocratiche che vi permetteranno di vedere il palazzo. Continua la lettura di Giorno 12: Kyoto, Palazzo imperiale, Tempio delle volpi e lavare i panni sporchi

Giorno 11: Kyoto il tempio d’oro Kinkaku-ji e la via dei filosofi in fiore

il palazzo d'oro
il tempio d'oro kinkaku-ji

L’ undicesima giornata Dio produsse una strada circondata di ciliegi in fiore e vide che era cosa buona, quindi la mise a Kyoto che i ciliegi li apprezzano molto…

Il 6 aprile abbiamo quindi deciso di fare un giro per le mete piu’  appariscenti di Kyoto, con un amico incontrato per strada di nome Nico ( no non ve lo presenteremo, o donne all’ascolto, in quanto siamo molto gelosi).

Per primo il tempio d’oro ( Kinkaku-ji ).

Continua la lettura di Giorno 11: Kyoto il tempio d’oro Kinkaku-ji e la via dei filosofi in fiore

Giorno 10: Kyoto, il quartiere di Gion

Gion e’ la zona di Kyoto dove c’e’ maggiore vita notturna. Ed e’ anche conosciuta per contenere in se il quartiere delle Gheisha (che ovviamente non abbiamo visto).
Appena arrivati con la metro ci siamo immersi in un fiume persone tutte dirette verso un tempio presente a poche centinaia di metri. Abbiamo seguito la folla, tra il traffico cittadino delle macchine ferme e le coppie che si dirigevano a passare una bella serata.
Le serate giapponesi iniziano presto e finiscono prima. Infatti quando noi parliamo di uscire la sera si pensa sempre alle 10 di sera almeno, la alle 10 troverete un mortorio piuttosto deludente.
Nel nostro caso erano circa le 8 di sera. Un orario accettabile sia per noi che per loro. Continua la lettura di Giorno 10: Kyoto, il quartiere di Gion

Giorno 10: Kyoto, la pagoda di To-ji, il castello di Nijo e Arashiyama fra i bambu’

La decima giornata si e’  aperta con una mangiata del famoso Pan giapponese ovvero una sorta di pane leggermente briochato con all’interno di tutto da cose buonissime come la salsa di fagioli dolci a cose fetide come uova pancetta e peperoni.

Rinfrancati da cosi’ tanta bonta’  e con il fegato implorante un caffe’ latte abbiamo deciso di passare la giornata vedendo 4 dei luoghi piu’ importanti della  Kyoto da bere: